Riscaldamento elettrico

 

Come alternativa al tradizionale riscaldamento idronico, è possibile sfruttare nuovi sistemi basati su nanotecnologie ad alta efficienza, installabili semplicemente e modulabili nelle performance.

 

Questi sistemi sono spesso adottati in settori evoluti come l’elettronica e la medicina; il polimero di cui è composto l’elemento termoradiante contiene nanoparticelle che, a contatto l’una con l’altra, consentono il passaggio dell’energia elettrica.

Quando la temperatura dell’ambiente in cui è installato l’impianto aumenta, la morfologia del polimero cambia e le nanoparticelle si allontanano, riducendo il flusso di energia;  in questo modo si riducono il passaggio di corrente e quindi anche il consumo.

 

Al contrario, durante i mesi più freddi, al calare della temperatura le nanoparticelle si avvicinano e permettono un passaggio maggiore di corrente elettrica, e quindi un’emissione di calore più elevata.

I principali vantaggi di questo sistema sono:

 

- Spesa iniziale ridottissima
- Costi di gestione che vanno dal 30 all’80% di quelli di un impianto idronico
- Costi di manutenzione praticamente inesistenti
- Sistema abbinabile alla domotica
- Assenza di regolazioni ed obblighi di legge
- Modularità degli impianti
- Agevolazioni fiscali
- Non necessita di locali tecnici, nè di tubazioni
- Può essere applicato ovunque

 

Un altro sistema alternativo per quanto riguarda il riscaldamento elettrico è quello che utilizza pannelli radianti a infrarossi. Questi pannelli dall’elegante estetica sfruttano una tecnologia economica, ecologica e sana; sono abbinabili al riscaldamento nanotecnologico (per ottenere un maggiore confort) oppure sono utilizzabili in modo indipendente.

 

I pannelli radianti riscaldano l’ambiente solamente dove è necessario;  inoltre sono anche un perfetto complemento d’arredo, che si adatta allo stile di ogni ambiente ed abitazione.

 

I pannelli radianti ad infrarossi risolvono il problema della dispersione di calore, riscaldando soltanto dove è necessario, come nei punti esposti a correnti d’aria vicino a porte e finestre.

 

Altri esempi in cui è utile questo tipo di riscaldamento:

- nella propria casa quando non è ancora necessario accendere il riscaldamento centralizzato
- in bagno se si vuole stare subito caldi mentre ci si prepara
- nei privè di discoteche e discobar, lontani dalla pista da ballo
- nelle hall degli alberghi, dove è necessario scaldare solo alcune zone
- nei risotranti e nei bar dove la porta viene aperta di continuo